logo della Repubblica italiana

Criteri di valutazione

ISTRUZIONE PROFESSIONALE (IP) E ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (IEFP)

Descrizione

ISTRUZIONE PROFESSIONALE (IP)
Premessa
Nelle classi dell’Istruzione Professionale del nuovo ordinamento (decr. leg.vo 61/2017), la progettazione
didattica basata su UdA costruite attorno a compiti di realtà comporta un coordinamento con le tradizionali
modalità di valutazione scolastica. La valutazione per competenze è, infatti, finalizzata soprattutto alla
certificazione, mentre la valutazione degli insegnamenti è legata principalmente alla progressione della
carriera scolastica sulla base di decisioni periodiche, all’attribuzione di voti numerici per insegnamento e
all’attribuzione di crediti numerici, a partire dal terzo anno, che contribuiscono al punteggio finale del
diploma.
Tenuto conto del quadro normativo vigente (d.P.R. 122/09 per la parte ancora applicabile e del decr. leg.vo
62/2017 soprattutto per gli Esami di Stato), restano ferme le attuali norme in merito alla valutazione
disciplinare.
La proposta di voto, formulata dal singolo docente, tiene conto delle misurazioni delle prove svolte in classe
e a casa, relative al raggiungimento degli obiettivi cognitivi di ciascun insegnamento e delle indicazioni
contenute nelle offerte formative, elaborate in dipartimento.

 

ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (IEFP)
I risultati di apprendimento, declinati in competenze, attesi in uscita al terzo anno per l’acquisizione della
qualifica professionale esprimono le dimensioni di alfabetizzazione culturale e di possesso degli elementi
necessari ad un inserimento consapevole e con un grado di autonomia pari al III livello del quadro nazionale
delle qualificazioni negli ambiti di esperienza di vita e professionale di settore. Essi si connotano per un
approccio il più possibile operativo e per la connessione con i dati di realtà. Tale caratterizzazione vale anche
per gli esiti di apprendimento attesi al termine del quarto anno per l’acquisizione del diploma professionale,
collocati ad un livello di autonomia pari al IV livello del quadro nazionale delle qualificazioni.
Come per le classi dell’Istruzione Professionale, la progettazione didattica è basata su UdA costruite attorno
a compiti di realtà. L’offerta formativa, erogata in sussidiarietà, ricalca in parte le modalità organizzative e
didattiche dei corsi di Istruzione e pertanto si applicano le stesse tabelle valutative per la formulazione delle
proposte di voto illustrate nella sezione precedente.

Allegati

Servizi collegati

Contatti

Ufficio responsabile del documento